Il nostro network: Guida Turistica Grosseto | Hotels e Alloggi a Grosseto
Lunedì 18 Novembre 2019
English

Booking.com

Escursione attraverso il promontorio dell'Argentario

Monte Argentario - Il promontorio dell’Argentario è circondato dal mare in tutto il suo splendore offrendo al visitatore paesaggi unici ed estremamente variegati, il clima particolarmente mite lo rendono luogo di vacanza durante tutto l’anno.

 
I comuni dell’Argentario sono Orbetello e Monte Argentario all'interno del quale sono compresi Porto Santo Stefano e Porto Ercole.
 
il Monte Argentario è unito alla terraferma dalle spiagge della Giannella e della Feniglia e dalla strada che taglia in due la laguna di Orbetello.
 
Punta Telegrafo che è la punta più alta del Monte Argentario, a 635 metri sul livello di mare, regala un panorama mozzafiato da cui ammirare l’isola d’Elba, Giannutri, l’isola del Giglio, Montecristo e persino la Corsica nelle giornate più limpide.
 
Luoghi autentici ed incontaminati sono ideali per rilassarsi e godersi la natura selvaggia, con il suo susseguirsi di scogliere mozzafiato e incantevoli calette bagnate da un mare cristallino, i cui riflessi alla luce del sole ricordano l’Argento.
 
Le due rinomate località che spiccano incastonate tra le imponenti scogliere sono Porto Santo Stefano, collocato sul lato nord-occidentale del promontorio e Porto Ercole, sul lato orientale; un tempo entrambi piccoli paesi di pescatori, oggi sono gemme preziose di un turismo ricercato della costa Toscana.
 
 
CENNI STORICI DALL'ARCHITETTURA SPAGNOLA
 
Anticamente abitata dagli Etruschi, come documentano molti resti archeologici, e dai Romani, evidenti nei Ruderi dei Bagni di Domiziano a Porto Santo Stefano, il territorio intorno alla metà del cinquecento fu sotto il dominio degli Spagnoli i quali hanno ci hanno lasciato numerosi edifici come il Palazzo dei Governanti nel cuore di Porto Ercole o il suggestivo Mulino spagnolo ancora visibile nella laguna di Orbetello.
 
 
PRODOTTI TIPICI
 
La Maremma non è solo collina e mare incontaminato ma offre al turista interessanti percorsi enogastronomici di eccellenza. Non a caso è possibile imbattersi nei Presidi Slow Food come la bottarga di Orbetello, ricavata dalle uova del cefalo.
 
Regina incontrastata del Monte Argentario è però l’anguilla, allevata nella laguna di Orbetello. Un "must" da assaggiare a Porto Santo Stefano è il "caldaro", una gustosa zuppa di pesce tipica della zona e originariamente preparata dai pescatori a bordo dei loro pescherecci.
 
Rinomata è la pesca di specie ittiche di eccellenza come Orate e Branzini.
 
Nella Laguna di Orbetello la pesca ha una lunga storia ed è un'attività fondamentale per l'economia dell'area; spigole, orate, cefali, anguille, calcinelli, ... mazzancolle, femminelle sono le specie più diffuse e i pescatori usano da sempre metodi tradizionali di cattura, come il lavoriero, il martavello e il tramaglio. Modernizzate nel tempo, queste tecniche mantengono le loro caratteristiche di sostenibilità: il pesce, infatti, arriva spontaneamente, secondo la stagionalità e le maree, senza l’uso di mangime esca.
 
Benvenuti all'Argentario !
 

[Fonte: Grosseto OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia


VIAGGIA NELL'ARTE, NEL GUSTO E NELLA NATURA A GROSSETO E IN MAREMMA